venerdì 23 ottobre 2015

Persone che non amano i gatti...

Cari amici Truefelini, sapevate dell'esistenza di persone che non solo non apprezzano i gatti, ma addirittura li tengono a debita distanza con una sorta di disagio, proferendo perfino le sacrileghe parole "Non mi piacciono i gatti"? E passano la vita così, in questa inspiegabile convinzione che sia possibile non amare i gatti... si appigliano a reciproche antipatie, al fatto che i gatti hanno gli artigli e soffiano, al fatto che sono tradizionalmente "menefreghisti"... finchè un giorno, a queste persone accade l'inevitabile. Se può esistere qualcuno in grado di resistere al fascino del gatto adulto... beh, non esiste NESSUNO, al mondo, in grado di resistere alla tenerezza infinita di un gattino! Ed ecco cosa succede quando i "non-amanti" dei gatti, incontrano alcuni micetti!



E voi conoscete persone che credono di poter non amare i gatti? E che magari si sono "convertiti" al "gattolicesimo" quando hanno avuto l'occasione di conoscere davvero un micio? Raccontateci tutto!

13 commenti:

  1. A me sembra quasi impossibile non amare i gatti …ma conosco una persona che ne ha il terrore, una vera e propria fobia…tanto da chiamare aiuto piuttosto che avvicinarsi alla propria auto in sosta, sul cui tettuccio stava spaparanzato al sole un bellissimo miciotto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Carmen che la fobia per i gatti è una vera e propria malattia? E' come la claustrofobia, a livello psicologico proprio queste persone non riescono a reggere ciò di cui hanno paura!! Per me è incredibile pensare di avere terrore dei gatti, ma pensa a queste povere persone che magari vengono derise per la loro fobia... e nel frattempo non riescono neppure a godersi l'amicizia e l'affetto di un gatto!

      Elimina
  2. Ok, volete ridere? u_u
    La persona che conosco e che è cresciuto con la convinzione di (fare finta di) odiare i gatti ebbene è proprio il mio compagno! Insegnatogli fin da bambino che gli animali possono trasmettere malattie e che sono fondamentalmente sporchi, è cresciuto con la convinzione che i gatti non facessero eccezione. E giammai ne sarebbe entrato uno nella sua casa!
    Ma come ben sapete ormai, è bastato lo sguardo ammaliatore della nostra Miu per fargli cambiare idea in un millesimo di secondo e convincerlo non solo di essere l'uomo adatto a fare il "papà gatto", ma anche a darle una sorellina gatta quanto prima! E difatti dopo soli 3 mesi e mezzo è arrivata Mia! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così si fa, Roby! Convertiamo i finti "ailurofobici" con la pratica della compagnia felina!! :-) Bravissimi voi che dopo aver accolto Miu avete aperto la vostra casa e soprattutto il vostro cuore anche a Mia, e ora siete una bellissima famiglia a 12 zampe!

      Elimina
  3. Bellissimo video, che la dice lunga sulla naturale capacità dei gatti di farsi amare anche dagli irriducibili.....
    Ne avevo anch'io uno in casa che nonostante le mie continue richieste continuava a ripetermi che i gatti non stanno bene in appartamento, sporcano, fanno cattivo odore, ecc.....e soprattutto hanno unghie lunghe e pericolose che DISTRUGGONO TUTTO!!! Questo per anni mi ha ripetuto mia mamma, che amando comunque gli animali non voleva tenerli in casa. Poi l'11 novembre 1992, non dimenticherò mai questa data, tornando da scuola l'incredibile sorpresa MINU, uno splendido cucciolo di persiano, che i miei avevano preso proprio per soddisfare il mio grande desiderio. Dalla prevenzione iniziale di mia madre all'amore assoluto per Minu, e per tutti i gatti che l'hanno seguito, il passo è stato brevissimo.....con l'accettazione incondizionata di tutti gli inconvenienti detti sopra, ampiamente sempre giustificati, con l'aggiunta fastidiosissima di una ormai costante della nostra vita: la presenza continua e generalizzata dei peli di gatto!!!
    Ma volete mettere com'è cambiata in meglio la nostra vita da quel lontano giorno!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione Laura! Brava tua mamma che ha superato la sua iniziale ritrosia (soprattutto "pratica", lo so, perchè una donna pensa inevitabilmente e sempre alle pulizie e al "daffare" maggiorato con l'introduzione di animali in casa), per amare incondizionatamente tutti i vostri mici! Del resto come si fa a dire di no a un micio solo per le ragioni degli "inconvenienti"? Sarebbe come pensare di non voler figli solo perchè questi si svegliano di notte, richiedono attenzione e cure... come si fa a paragonare tutto questo all'amore? Non si può, non si può!

      Elimina
  4. Ahahah, spassosissimo questo video! L'avevo già visto durante una delle mie infinite notti di guardia!
    L'Orso, il mio compagno, era convintissimo di odiare i gatti, che fossero cattivi e opportunisti e che come il cane nessuno mai...questo perché non si era mai relazionato correttamente con loro: ad esempio da bambink pretendeva che la sua gatta di si facesse chiudere nella lavatrice senza fiatare...ci credo che non amasse farsi carezzare da lui!.
    Ecco, vi farei vedere la sua faccia quando abbiamo visto Merlino e Magò per la prima volta, quando avevano quaranta giorni. Occhi a cuore proprio! E adesso è innamorato pazzo di loro!
    In generale non mi fido di chi non ama gli animali, cani o gatti che siano ,salvo certo patologie e fobie precise...ma ci sono persone che odiano deliberatamente o per futili motivi come peli e bisognini, come scrivete sopra ...non potrei mai farci amicizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O_o Oh mamma, la gatta in lavatrice?? Eh no, l'Orso non è proprio partito con il piede giusto verso i nostri amati felini! Però direi che ha recuperato alla grande! Hai ragione comunque, anche io non mi fido di chi non ama gli animali (salvo patologie particolari, è chiaro)... come si fa a non amarli, a restare indifferenti verso la loro empatia, il loro affetto e la loro socievolezza naturale? L'uomo che non ama gli animali e la natura deve avere un animo ben poco sensibile, un'intelligenza ben poco brillante, un cuore ben poco aperto. Forse sono troppo dura e presuntuosa nel dire questo, ma la penso proprio così.

      Elimina
  5. Presente!!!!! ebbene si.. non ero amante dei gatti.. Non che non li "odiassi" sia bene inteso.. Sono cresciuta rispettando natura ed animali.. tutti! Ho sempre avuto amore per tutti gli animali sin da piccola.. ma sta cosa dei gatti.. dicevano tutti "amano la casa.. non i padroni" mi ha fatto crescere pensando che l'unico vero "amico" dell'uomo potesse essere un cane! Ma da quando ho Zoe.. mi s'è aperto un mondo.. il meraviglioso mondo misterioso felino! Questi esserni ti stregano!!!! Una cosa era però vera.. loro non hanno padroni.. Loro amano per davvero.. non perchè gli si dia pappa (si vabbè certo se gliela dai è meglio :-) ma si affezionano.. e tutto ciò che ti danno... quando vivono con te.. è perchè te lo vogliono dare.. non per secondi fini.. Ogni leccatina.. ogni fusa.. ogni "fare la pasta".. starti attaccato come una colla tutta la notte nel letto.. strusciarti le gambe.. darti testatine.. tutto! In un certo senso sono loro i nostri "padroni" cioè.. io davvero non riucirei più a vivere senza Zoe.. ne ho bisogno come l'aria.. :-D ecco... questa è la mia storia!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel commento! Sai Claudia che anche io, quando ebbi il mio primo gatto (ero alle elementari), venni a conoscenza di una serie di "detti" sul gatto proprio come quello che tu dici "amano la casa, non i padroni". Lo ascoltai in maniera acritica (in fondo, avevo solo 6-7 anni) ma più vivevo con il mio primo micio, più capivo che in realtà lui era affezionato a noi e se mancavamo noi soffriva, pure avendo come punto di riferimento fisso la casa e il suo territorio. Ad esempio quando andavamo in vacanza per due settimane (lui restava a casa, seguito dai nonni), quando tornavamo ci piantava un muso per giorni, perchè eravamo spariti. Che poi è abbastanza ridicolo dire "amano la casa, non i padroni": noi stessi umani, se sradicati dalla nostra casa (pure se restiamo in compagnia delle persone che amiamo) soffriamo e ci sentiamo spaesati. Allora dovremmo dire lo stesso di noi, che amiamo la nostra casa più della nostra famiglia? Comunque la tua storia con Zoe è bellissima!

      Elimina
    2. Si... hai perfettamente ragione.... E ho capito anche un'altra cosa.. "solo chi ha un gatto.. può capire che esseri meravigliosi sono...." Ti abbraccio forte

      Elimina
  6. Innanzitutti io diffido delle persone che non amano i gatti( e gli animali in genere).Detto questo mi sembra inpossibile che a qualcuno non piacciano i gatti.conosco un paio di persone che si sono ricredute su questo.Poi se uno ha paura è proprio un'altra cosa,ma anche questo può cambiare.Mia mamma aveva il terrore dei cani e fino ai 40 anni non ne aveva mai toccato uno.Direi che la paura le è passata alla grande,ora li adora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai a volte io non riesco a capire se la presunta "paura" verso gli animali (che siano gatti "perchè graffiano", cani "perchè mordono", criceti/conigli "perchè sembrano topi"...) sia qualcosa di anche solo minimamente fondato, ad esempio a causa di brutte esperienze infantili con questi animali (mia zia ad esempio è stata morsa a sangue da un coniglio, quando era piccola), oppure se siano solo pregiudizi superficiali che sono maturati in un ambiente famigliare/sociale poco sensibile. Se fosse solo per il secondo motivo, mi viene da dire che ciascuno dovrebbe sforzarsi di mettere alla prova il proprio pregiudizio, perchè magari potrebbe scoprire che si è sbagliato di grosso e si sta perdendo una delle meraviglie della vita. Bravissima tua mamma che ha avuto il coraggio, l'intelligenza e la sensibilità necessaria per conoscere i cani, anche se le facevano paura... e direi che ci ha guadagnato un mare di affetto canino! ;-)

      Elimina