lunedì 8 gennaio 2018

"Eravamo solo noi due" - la storia di Tommy

Buongiorno Truefelini e ben ritrovati al termine delle festività! Oggi si riparte alla grande e per questo vi proponiamo uno specialissimo "feline writer": Luca, del blog Lukecats. Il suo racconto vi emozionerà, vi coinvolgerà, vi commuoverà; è la storia vera del primo incontro con uno dei suoi gatti, Tommy. Non serve aggiungere altro! Grazie Luca per averlo scritto e avercelo mandato, a tutti voi buona lettura!

***

Stavo esplorando. Giocando. Salii. 
Il mondo divenne stretto e buio. 
Poi un rombo, una bolla di oscurità.  
Venni portato via, senza speranza. 
Il mondo perse ogni senso, avevo paura. 
Ero solo.
Una mano potente mi scagliò in aria e mi scaraventò nel baratro. Persi l'orientamento, caddi sulla terra nera e dura, rotolai senza speranza.
L'asfalto mi graffiò. Spezzò il mio respiro. 
Il dolore. Tutto divenne un nero sudario.
Rombi ruggenti intorno a me, sprezzanti ed indifferenti. 
Sentivo freddo. Tutto stava perdendo di senso. 
Poi, nella nebbia, sentii in lontananza una oscura luce.
"Sono qui, sono vivo".
"E' andato..."
"No!"
Sentii un rombo cupo, stridere, un tonfo.
Qualcuno stava correndo verso di me, lo sentii arrivare, lo sentii urlare dentro.
Tonfi ritmici. Eccolo.
"Tutti e due o nessuno dei due. Te lo prometto"
Qualcuno mi diede rifugio, protezione. 
Non ero solo. Sentii un calore, mani timide mi circondarono, tremando. 
Una voce mi sostenne, protesse, mentre a suo modo, pregava. 
Mi sollevò con grazia e cautela infinita. 
Ancora il luogo oscuro, ma stavolta era confortevole. 
Non vedevo niente, il respiro rotto, il dolore. 
Le sue mani, la corsa, il tonfo di una porta. 
La voce stentorea, che non permetteva obiezioni. 
"Gattino a terra!"
Fredde mani su di me, gli odori acri, il freddo metallo sotto di me. Ma c'era sempre la voce amorevole. Condividemmo la forza, la paura, la speranza. 
"Io resto con lui"
Rimanemmo soli e parlò con me, lui non smise mai di parlare con me. 
Sentii un sordo strappo dentro di me, devastante, poi non sentii più nulla.
Tutto era freddo e immobile. 
Polmone compresso.
Collassai.
Non riuscivo a respirare. 
(...) 
Tutto perse di significato, stavo morendo. 
Ma lui non si arrese. No. Lui non voleva.
Mi massaggiò, mi incoraggiò, mi parlò. Pregò, a modo suo. 
Dopo un'eternità, o pochi secondi, qualcosa mi squassò. 
Tornai. 
Aprii l'unico occhio buono, per un attimo, trovai la forza per un miagolio sottile. 
Ma non vidi nulla.
Il mondo era coagulato intorno a noi. Eravamo solo noi due.
Lui capisce. Io capisco. 
"Ciao, piccolo"
Sono qui. Con lui. 
Lo vedo.
I nostri sguardi si incrociano per la prima volta.
Sono vivo. 
Io sono Tommy.
 
Tommy, il protagonista di questa storia a lieto fine.
 

venerdì 29 dicembre 2017

Regali di Natale non graditi?

Buongiorno Truefelini!
Oggi un minivideo simpatico per voi, a conclusione della settimana di Natale, che possa lasciarvi un sorriso... e se i regali sotto l'albero non sono stati proprio di vostro gradimento, beh... ficchiamo tutto nella scatola e via: come nulla fosse accaduto! :D



Ringraziamo Amici Animali per la condivisione del video! :)
Cogliamo intanto l'occasione per fare a tutti voi i nostri migliori auguri per un ottimo 2018, certe che ciascun anno potrà essere pieno di gioia, ricco di coccole e benedizioni, solo se condiviso con un animale! Tanti cari auguri a tutti voi, buona fine e buon inizio!

venerdì 22 dicembre 2017

Feste natalizie e gatti: consigli utili!

Cari amici Truefelini, prima di venire completamente travolti dalle festività natalizie, con bagordi, parenti, cene, pranzi, regali e chiacchiere a volontà, con piacere vi lascio qualche piccolo suggerimento per far vivere al meglio il Natale anche al vostro gatto!

***


* Tenete fuori dalla portata del micio festoni e capelli d’angelo luccicanti che diventerebbero la passione del felino ma che, nel gioco furioso,  potrebbero essere ingeriti dando luogo a problemi gastrointestinali più o meno seri.

* Attenzione alle luci collegate alle prese di corrente: per il vostro gatto tutto ciò che è decorazione è anche gioco e non comprende la pericolosità di addentare a fondo il filo di lucette accese!

* Tenete fuori dalla portata del micio candele accese, che per Natale fanno effettivamente atmosfera: il gatto non ha famigliarità con il fuoco e potrebbe scottarsi in maniera spiacevole, prima di imparare la lezione.

* Attenzione ad alcune piante natalizie, come il vischio e la stella di Natale, che sono tossiche per il nostro amico felino!

* Preferite palline e decorazioni in materiale infrangibile (polistirolo, legno, plastica), in modo che il vostro gatto non rischi di trovarsi una fragile e pericolosa pallina di vetro tra le zampe: se si rompesse sarebbe un peccato per la pallina, ma soprattutto un rischio per il nostro amato micio!

* Nonostante la gola e la curiosità, evitate di proporre al micio avanzi della tavola di Natale: si tratta di cibi troppo raffinati e poco adatti per la sua salute!

* Nei momenti clou delle feste, quando la casa si riempie di ospiti, di chiacchiere e di comprensibile confusione (il cenone della Vigilia, il pranzo Natale, Capodanno, l’Epifania, ecc.), fate in modo che il gatto possa avere libero accesso ad una stanza tranquilla e il più possibile silenziosa, nella quale mettergli a disposizione cibo, acqua, lettiera (debitamente a opportuna distanza) e ovviamente un comodo giaciglio. I gatti non amano la confusione, date loro modo di ritirarsi dalla vita sociale se lo desiderano!
 
***

Detto questo, cari amici, cos'altro dirvi ancora se non BUONE, BUONISSIME FESTE a tutti voi e ai vostri animali? Auguri di vero cuore, sia da parte mia che della mia amica e socia qui sul blog, Roberta!

P.s. Naturalmente aspettiamo anche per dopo Natale le foto e i racconti delle vostre feste in compagnia dei vostri amati pelosetti! Scriveteci alle nostre solite mail, mi raccomando!

mercoledì 13 dicembre 2017

I Gatti di Santa Lucia - Lussekatter



Buongiorno carissimi e buona Santa Lucia a chiunque la festeggi!
Personalmente non ho mai avuto modo di vivere questa festività se non da grande, apprendendola una volta traferitami in Liguria. Sono le amiche a parlarmene e i loro figlioletti, che naturalmente ricevono i doni anche in questa meravigliosa giornata di festa.

Ma veniamo alla curiosità di oggi: i Gatti di Santa Lucia o, meglio, Lussekatter.

I Lussekatter sono brioscine allo zafferano svedesi associate alla festa di Santa Lucia e al Natale.

L’eziologia dei lussekatter pare risalga a una leggenda tedesca del 1600, secondo la quale Lucifero, tramutatosi in gatto, graffiava e mordeva i bambini. Gesù intervenne travestendosi da bambino e distribuendo dolcetti. Per tenere i bimbi lontani dal suddetto gatto-diavolo, faceva sì che i dolci elargiti fossero dei piccoli "soli splendenti". Ecco così spiegato lo zafferano nell'impasto e la forma originaria a X. Si parla di forma originaria, poiché quella oggi più comune è a S, con  l'uvetta dentro entrambi i riccioli della S.

Tale leggenda sulla "luce" si riversò nella festività della santa della Luce (Lucia, appunto), ed è così che i lussekatter sono stati per sempre associati a lei. Tanto indissolubilmente legati ad essa, che gli stessi svedesi fanno confusione sull’etimologia del nome, perché Lusse katter non sta per “gatti di Lucia”, ma per “gatti di Lucifero“, in quanto Lucifer (la in svedese si pronuncia [s]) è abbreviato in Lusse, per lo stesso principio per cui il nome Karl si abbrevia in “Kalle”, il nome Fredrik in “Fredde”, e così via. 

Alla fine del 1600 dalla Germania infatti i lussekatter furono introdotti in Svezia, inizialmente soltanto nelle regioni intorno al lago Mälaren, in Östergötland e sull’isola di Gotland, e poi nell’ ‘800, quando il culto di Santa Lucia si diffuse in ogni parte della Svezia. (fonte: nonsolopolpette)

E dopo questo bel capitoletto storico, non mi resta che condividere la ricetta! :)
Prima però, è giusto che vi dica che tra quelle visionate e cercate su tutti (davvero ne avrò valutati almeno 50) i siti e blog che hanno pubblicato questa ricetta, nessunno tra quelli italiani ha tra gli ingredienti il formaggio (la Philadelphia, per dire). Soltanto tra le ricette svedesi c'è questa tale "Kesella" (un formaggio di una marca tipica) che possiamo sostituire con il nostro formaggio spalmabile. Credo che questo faccia tutta la differenza del mondo per una riuscita reale, nonché sofficiosa del prodotto.

Ingredienti (per circa 40 pezzi)
- 1 kg di farina 00
- 500 ml di latte intero
- 250 g di zucchero
- 150 g di burro
- un cubetto di lievito di birra
- 250 di Philadelphia
- 1 uovo
- 1 g di zafferano (circa 9/10 bustine... ebbene sì!)
- 1 pizzico di sale
...inoltre:
- 80 chicchi di uvetta da guarnizione
- 1 uovo per spennellare


Procedimento
Sciogliere il burro in un pentolino, quindi aggiungere il latte per stemperarne la temperatura fino a raggiungere i 37° circa (fare la prova mignolino, non deve essere bollente, ma "giusto"). Sbriciolare il lievito in una terrina, quindi versarci il composto burro e latte per scioglierlo completamente.

Aggiungere l'uovo, il formaggio, lo zafferano, lo zucchero e il sale. Mescolate con le fruste elettriche e aggiungere la farina. Continuare con una spatola a mano dato che il composto sarà molto appiccicoso.

Una volta lavorato l'impasto e amalgamato tutti gli ingredienti, coprirlo con un canovaccio e lasciar riposare fino al raddoppio.

Superato il tempo di riposo, infarinare un piano di lavoro, posandovi sopra l'impasto. Dividerlo in 4 parti e da ogni parte ricavane 10 striscioline abbastanza sottili (un centimetro e mezzo di diametro). Formare una S con ogni strisciolina arricciando bene le estremità su se stesse e mettere un acino di uvetta al centro di ogni ricciolino. Durante la lievitazione si gonfieranno un sacco, quindi è bene mantenere le striscioline abbastanza sottili.

Coprire nuovamente con un canovaccio e lasciar riposare altri 30 minuti.

Nel frattempo accendere il forno a 225 °C.
Ricoprire una teglia da forno con carta forno e appoggiare pochi lussekatter per volta, distanziandoli parecchio tra loro perché continueranno a gonfiare durante la cottura. Serviranno infatti parecchie infornate!

Sbattere l'uovo rimasto e spennellarlo sulle briochine. Quindi infornare per circa 10 minuti fino a quando non avranno raggiunto un bel colore marrone in superficie e giallo ai bordi.

Laciar raffreddare sotto un canovaccio e riporre in contenitori ermetici per la conservazione.

mercoledì 6 dicembre 2017

OH OH OH... arriva Natale!

Buongiorno Truefelini,
sono certa che in ogni casa italiana, in questo specifico momento storico, si starà cominciando a pregustare l'avvicinarsi delle festività natalizie.

 
Le luminarie lungo le strade cittadine, che infondono pace e gioia ai frettolosi passanti. L'atmosfera calda e accogliente delle serate in compagnia dei nostri pelosetti e magari di una copertina con annessa cioccolata calda. La voglia di stare assieme, di condividere tempo, risate e giochi con le persone che più amiamo. La sfrenata volontà di andare per negozietti o ingegnarci homemade per il pensierino giusto da regalare ai più cari parenti e, perché no, anche ai nostri amici a quattro zampe.

 
Insomma, tutto è pronto, non dobbiamo fare altro che godere di questa entusiasmante attesa, fino al prossimo Natale!
E allora, direte voi, qual è il senso di questo post?
Avete assolutamente ragione... il senso di questo post è di voler richiamare alla condivisione di "musetti". Come al solito io e Silvia sentiamo la necessità cercare piccoli protagonisti... e quale periodo migliore, se non quello natalizio, in cui i nostri amati cani o gatti, si sperticano in pose degne dei più famosi gattAttori e canAttori? XD
Non vorrete dirmi che il freddo e l'aggregazione non ha mosso anche i vostri cuccioli ad accoccolarsi tra le vostre gambe, sulla vostra pancia o (come fa la mia Miu) sotto-l'ascella-sotto-la-coperta-assieme-sul-divano! Ehehehe... ci sono momenti inaspettati di armonica quitidianità a cui non rinunceremmo per nulla al mondo, io per prima.
Per questo motivo io dico: immortaliamoli! :)

Che ne dite di un selfie "caNatalizio" o "gatTalizio" (che dir si voglia)? Un modo come un altro per raccontarci dei vostri momenti insieme, durante le feste!

Inviateci le vostre foto, natalizie e non, e non solo le aggiungeremo ne LaBacheca, ma ne scriveremo un post apposito per le feste! :)

Vi aspettiamo numerosi su rumoredifusa@gmail.com oppure neltempoliberofaccioilgatto@gmail.com.