mercoledì 13 dicembre 2017

I Gatti di Santa Lucia - Lussekatter



Buongiorno carissimi e buona Santa Lucia a chiunque la festeggi!
Personalmente non ho mai avuto modo di vivere questa festività se non da grande, apprendendola una volta traferitami in Liguria. Sono le amiche a parlarmene e i loro figlioletti, che naturalmente ricevono i doni anche in questa meravigliosa giornata di festa.

Ma veniamo alla curiosità di oggi: i Gatti di Santa Lucia o, meglio, Lussekatter.

I Lussekatter sono brioscine allo zafferano svedesi associate alla festa di Santa Lucia e al Natale.

L’eziologia dei lussekatter pare risalga a una leggenda tedesca del 1600, secondo la quale Lucifero, tramutatosi in gatto, graffiava e mordeva i bambini. Gesù intervenne travestendosi da bambino e distribuendo dolcetti. Per tenere i bimbi lontani dal suddetto gatto-diavolo, faceva sì che i dolci elargiti fossero dei piccoli "soli splendenti". Ecco così spiegato lo zafferano nell'impasto e la forma originaria a X. Si parla di forma originaria, poiché quella oggi più comune è a S, con  l'uvetta dentro entrambi i riccioli della S.

Tale leggenda sulla "luce" si riversò nella festività della santa della Luce (Lucia, appunto), ed è così che i lussekatter sono stati per sempre associati a lei. Tanto indissolubilmente legati ad essa, che gli stessi svedesi fanno confusione sull’etimologia del nome, perché Lusse katter non sta per “gatti di Lucia”, ma per “gatti di Lucifero“, in quanto Lucifer (la in svedese si pronuncia [s]) è abbreviato in Lusse, per lo stesso principio per cui il nome Karl si abbrevia in “Kalle”, il nome Fredrik in “Fredde”, e così via. 

Alla fine del 1600 dalla Germania infatti i lussekatter furono introdotti in Svezia, inizialmente soltanto nelle regioni intorno al lago Mälaren, in Östergötland e sull’isola di Gotland, e poi nell’ ‘800, quando il culto di Santa Lucia si diffuse in ogni parte della Svezia. (fonte: nonsolopolpette)

E dopo questo bel capitoletto storico, non mi resta che condividere la ricetta! :)
Prima però, è giusto che vi dica che tra quelle visionate e cercate su tutti (davvero ne avrò valutati almeno 50) i siti e blog che hanno pubblicato questa ricetta, nessunno tra quelli italiani ha tra gli ingredienti il formaggio (la Philadelphia, per dire). Soltanto tra le ricette svedesi c'è questa tale "Kesella" (un formaggio di una marca tipica) che possiamo sostituire con il nostro formaggio spalmabile. Credo che questo faccia tutta la differenza del mondo per una riuscita reale, nonché sofficiosa del prodotto.

Ingredienti (per circa 40 pezzi)
- 1 kg di farina 00
- 500 ml di latte intero
- 250 g di zucchero
- 150 g di burro
- un cubetto di lievito di birra
- 250 di Philadelphia
- 1 uovo
- 1 g di zafferano (circa 9/10 bustine... ebbene sì!)
- 1 pizzico di sale
...inoltre:
- 80 chicchi di uvetta da guarnizione
- 1 uovo per spennellare


Procedimento
Sciogliere il burro in un pentolino, quindi aggiungere il latte per stemperarne la temperatura fino a raggiungere i 37° circa (fare la prova mignolino, non deve essere bollente, ma "giusto"). Sbriciolare il lievito in una terrina, quindi versarci il composto burro e latte per scioglierlo completamente.

Aggiungere l'uovo, il formaggio, lo zafferano, lo zucchero e il sale. Mescolate con le fruste elettriche e aggiungere la farina. Continuare con una spatola a mano dato che il composto sarà molto appiccicoso.

Una volta lavorato l'impasto e amalgamato tutti gli ingredienti, coprirlo con un canovaccio e lasciar riposare fino al raddoppio.

Superato il tempo di riposo, infarinare un piano di lavoro, posandovi sopra l'impasto. Dividerlo in 4 parti e da ogni parte ricavane 10 striscioline abbastanza sottili (un centimetro e mezzo di diametro). Formare una S con ogni strisciolina arricciando bene le estremità su se stesse e mettere un acino di uvetta al centro di ogni ricciolino. Durante la lievitazione si gonfieranno un sacco, quindi è bene mantenere le striscioline abbastanza sottili.

Coprire nuovamente con un canovaccio e lasciar riposare altri 30 minuti.

Nel frattempo accendere il forno a 225 °C.
Ricoprire una teglia da forno con carta forno e appoggiare pochi lussekatter per volta, distanziandoli parecchio tra loro perché continueranno a gonfiare durante la cottura. Serviranno infatti parecchie infornate!

Sbattere l'uovo rimasto e spennellarlo sulle briochine. Quindi infornare per circa 10 minuti fino a quando non avranno raggiunto un bel colore marrone in superficie e giallo ai bordi.

Laciar raffreddare sotto un canovaccio e riporre in contenitori ermetici per la conservazione.

mercoledì 6 dicembre 2017

OH OH OH... arriva Natale!

Buongiorno Truefelini,
sono certa che in ogni casa italiana, in questo specifico momento storico, si starà cominciando a pregustare l'avvicinarsi delle festività natalizie.

 
Le luminarie lungo le strade cittadine, che infondono pace e gioia ai frettolosi passanti. L'atmosfera calda e accogliente delle serate in compagnia dei nostri pelosetti e magari di una copertina con annessa cioccolata calda. La voglia di stare assieme, di condividere tempo, risate e giochi con le persone che più amiamo. La sfrenata volontà di andare per negozietti o ingegnarci homemade per il pensierino giusto da regalare ai più cari parenti e, perché no, anche ai nostri amici a quattro zampe.

 
Insomma, tutto è pronto, non dobbiamo fare altro che godere di questa entusiasmante attesa, fino al prossimo Natale!
E allora, direte voi, qual è il senso di questo post?
Avete assolutamente ragione... il senso di questo post è di voler richiamare alla condivisione di "musetti". Come al solito io e Silvia sentiamo la necessità cercare piccoli protagonisti... e quale periodo migliore, se non quello natalizio, in cui i nostri amati cani o gatti, si sperticano in pose degne dei più famosi gattAttori e canAttori? XD
Non vorrete dirmi che il freddo e l'aggregazione non ha mosso anche i vostri cuccioli ad accoccolarsi tra le vostre gambe, sulla vostra pancia o (come fa la mia Miu) sotto-l'ascella-sotto-la-coperta-assieme-sul-divano! Ehehehe... ci sono momenti inaspettati di armonica quitidianità a cui non rinunceremmo per nulla al mondo, io per prima.
Per questo motivo io dico: immortaliamoli! :)

Che ne dite di un selfie "caNatalizio" o "gatTalizio" (che dir si voglia)? Un modo come un altro per raccontarci dei vostri momenti insieme, durante le feste!

Inviateci le vostre foto, natalizie e non, e non solo le aggiungeremo ne LaBacheca, ma ne scriveremo un post apposito per le feste! :)

Vi aspettiamo numerosi su rumoredifusa@gmail.com oppure neltempoliberofaccioilgatto@gmail.com.

venerdì 1 dicembre 2017

Nove idee handmade per il vostro gatto... e per voi!

Cari amici truefelini, ci siamo: manca pochissimo a Natale! E cosa c'è di più bello del creare con le nostre mani piccoli pensieri, oggetti o delizie per i nostri cari, per le prossime feste? Quest'oggi vi mostro allora un simpaticissimo video che potrà fornirvi più di un'ideuzza handmade e riciclosa, ovviamente e rigorosamente gattosa! Potrete prendere spunto per costruire bellissimi e utili "regali" per i vostri gatti, ma non solo! Si va ad esempio da un tiragraffi casalingo, che farà la felicità del vostro amico peloso, a simpatici porta-piante gattosi da regalare a colleghi, da portare in ufficio o semplicemente per rallegrare casa vostra!




Non avete che l'imbarazzo della scelta! Io adoro letteralmente il tiragraffi "avvitato" di cartoncino, ma trovo sia geniale anche la cuccia coibentata per l'esterno... un'idea da sfruttare anche nelle colonie feline o in quei posti dove circolano più di un gatto senza famiglia, per dare loro un ricovero durante l'inverno. Avete mai realizzato qualche oggetto di questo tipo? E quale vi piace di più? Raccontateci tutto!

sabato 25 novembre 2017

Qualcosa che non sapevi: curiosità sui gatti!

Buongiorno amici Truefelini!
Oggi voglio condividere con voi questa lunga raccolta di simpatiche (e utili) informazioni. Devo dire che ero a conoscenza di alcune di esse, ma altre mi hanno lasciata davvero sbalordita! E cosa fare se non divulgarle e rendervi partecipi di queste scoperte? :)
Queste informazioni verranno pubblicate anche in Home Page nella colonna "Lo sapevi che...". In questo modo le avremo sempre sotto mano!

E voi, quante ne conoscete? Raccontatecelo!


INFORMAZIONI E CURIOSITÀ SUI GATTI

1. Le orecchie del gatto sono costituite da 32 muscoli e ne vengono usati regolarmente 12.  

2. I gatti possono ruotare le orecchie quasi a 180 gradi. Si prega quindi di fare attenzione quando si condividono segreti in loro presenza! ;)

3. L'olfatto dei gatti è 14 volte più acuto di quelli umani. Pertanto, se dimentichi il tramezzino al prosciutto nella tua borsa - anche se è avvolto in un sacchetto di plastica - puoi star certo che il tuo micio lo troverà! XD

4. L'aspettativa di vita media di un gatto domestico è di 15 anni. Quando ne compie 3 è come se ne avesse 20 umani; a 8 anni è come se ne avesse 40 umani; a 15 anni sarà come un fulgido 70enne umano.
  
5. I gatti maschi Ragdoll richiedono un'area (in termini di territorio) quasi dieci volte maggiore per il loro sostentamento rispetto agli esemplari femmina. 

6. I gatti non possono vivere una vita piena se non alimentati con proteine animali. Questo perché la carne contiene un aminoacido specifico (l'arginina) che è vitale per loro.

7. I gatti preferiscono cibi tiepidi o a temperatura ambiente, ma mai freddi o bollenti.

8. Si è letto di alcune persone che abbiano trattato i propri gatti con medicine umane. Un appunto interessante da non dimenticare mai è che i gatti possono essere fatalmente avvelenati anche solo con l'aspirina ordinaria.

9. Sai quanti battiti al minuto compie il cuore di un gatto? Circa 140. Facendo un confronto, la frequenza cardiaca media umana è di circa 80 battiti al minuto.

10. È cosa risaputa che ogni essere umano può essere identificato attraverso le impronte digitali, poiché queste sono totalmente uniche e diverse per ogni individuo. Ebbene, la medesima cosa vale per "l'impronta" del naso di un gatto.

11. È interessante che i gatti siano in grado di ascoltare suoni trasmessi a una frequenza di 60 kHz. Il corispettivo canino è di 40 kHz, per gli esseri umani di 20 kHz. Naturalmente, anche il più silenzioso fruscio di un topo che consideriamo silenzioso può essere udito distintamente dal gatto.

12. È incredibile, ma i gatti possono produrre più di 100 suoni differenti, mentre i cani possono emettere solo circa 10 suoni.

13. Molti bambini si chiedono come mai i gatti non reagiscano alle "prelibatezze" che vengono fatte scivolare sotto il loro naso. La verità è che i gatti hanno difficoltà a vedere a breve distanza. L'area più comoda per la loro visione varia dai 75 centimetri ai 6 metri.  

14. In genere, i gatti hanno 12 baffi su ciascun lato. In altre parole, questi meravigliosi animali possono essere chiamati creature a 24 baffi! 

15. Un altro fatto interessante è la prova scientifica che i gatti ritraggono i loro artigli durante il sonno. Questo vale per l'intera famiglia di felini; l'unica eccezione sono i ghepardi: i loro artigli sono sguainati per tutto il tempo.

16. I gatti non usano mai miagolare per comunicare tra loro. Il loro linguaggio di comunicazione consiste nel sibilare, sbuffare e fare le fusa. Quando i gatti miagolano, si rivolgono esclusivamente alle persone, sicuramente pensando di esprimere perfettamente i loro pensieri in lingua umana!

17. Se venissero tagliati i baffi al gatto, egli cambierà completamente il proprio comportamento. Ciò accade perché i baffi sono l'utilissimo strumento attraverso cui percepiscono il mondo. Il termine corretto per questa parte del corpo non è "baffi", bensì vibrisse, poiché con questa parola vengono descritti i lunghi "peli" che hanno terminazioni nervose ultrasensibili e che trasmettono impulsi al cervello.

18. Alcune persone credono che le vibrisse siano il sesto senso dei gatti. In effetti, questa parte unica del corpo consente all'animale di muoversi liberamente nello spazio anche nella completa oscurità. In altre parole, le vibrisse possono sostituire quasi completamente orecchie e occhi.

19. Un altro fatto interessante sui gatti è il luogo comune che hanno terribilmente paura dell'acqua. Ma in realtà, in condizioni normali, i gatti possono persino pescare. Tuttavia, in condizioni di forzatura (se si prendesse di peso il gatto e lo si mettesse in acqua) egli può mostrare una forte aggressività. Che la spiegazione derivi da una leggenda popolare sui gatti o che si tratti di puro istinto di sopravvivenza, è bene tenere conto di queste reazioni.  

20. Sai perché i gatti si leccano? La pulizia può non essere la ragione più corretta. I gatti semplicemente leccano la sostanza secreta dal loro corpo, la quale normalizza la loro attività mentale. Quindi, in parole povere, se il gatto non si lecca da solo, allora probabilmente è uno psicopatico! Scherzi a parte, questo comportamento è davvero importante, tanto che privarlo di una condizione di serenità che lo induca a farlo, potrebbe significare persino metterlo in condizioni pericolose per la propria vita.

21. Diversamente da ciò che si crede, l'allergia ai gatti non è causata dai loro peli. La vera fonte, l'allergene, è la proteina FEL D1, che viene diffusa con l'aiuto dei peli. È interessante notare che i gatti maschi sono più allergizzanti delle femmine.

22. Per dimostrare il loro affetto agli umani, la maggior parte dei gatti letteralmente si "siede" sui loro piedi o vi struscia la testolina. Questa è davvero una dimostrazione di grande amore, anche se all'occhio superficiale potrebbe apparire come un comportamento comune.

23. Se ti stai chiedendo perché i gatti strofinino il muso contro le gambe dei loro umani, così come contro una grande varietà di altri oggetti, allora devi sapere che la verità è che questi animali hanno ghiandole speciali su entrambi i lati della testa, sulla coda e vicino ai genitali. Quando ti si sfregano contro, ti stanno di fatto etichettando, dicendo "tu sei mio". 

24. Quando i gatti si trovano nel territorio di un altro gatto e quando incontrano altri gatti, rallentano i propri passi. Ciò accade perché non vogliono che si instauri un conflitto, una lotta con altri esemplari. Rallentando dichiarano il loro intento di non combattività.
 
25. Quasi tutti i gatti amano la valeriana. Il suo odore è fonte di grande attrattiva per loro. È interessante notare che diventano in qualche modo dipendenti quando ne avvertono l'odore. In caso di sovradosaggio però è bene sapere che il gatto può andare incontro anche alla morte. Bisogna fare una cauta attenzione ed essere quindi sempre presenti quando gliela si propone.

26. Se un gatto scuote la coda (come fosse una frustata), significa che ha un dilemma che lo agita e non sa come superare. Ad esempio, in piedi sulla soglia, non sapendo se uscire in strada sotto la pioggia o rimanere in casa all'asciutto, il gatto batterà con veemenza la coda. 

27. Se la coda del gatto "freme" quando sei nelle vicinanze, puoi essere sicuro di una cosa: sei una delle cose più care e importanti per lui. Questa è l'espressione più istintiva del loro tenero sentimento nei tuoi riguardi.

28. Ai gatti non piacciono i dolci. Il fatto è che semplicemente non "capiscono" la dolcezza a causa della mancanza di papille gustative atte ad identificarne il senso.

29. Quando il gatto agita le zampe, sta provando una sensazione molto sgradevole.

30. Gli occhi dei gatti brillano nell'oscurità perché la luce si riflette sulla loro retina. Ecco perché in realtà hanno bisogno solo di un sesto della luce che serve a un essere umano per orientarsi nello spazio.

31. I gatti sono naturalmente "ipermetropi", quindi è difficile per loro mettere a fuoco oggetti troppo vicini.

32. L'ailurofilia (dal greco "ailuros" - gatto - e "philos" - amore) è un amore eccessivo per i gatti. Eccessivo è esattamente la parola giusta, dal momento che il termine è stato coniato in psichiatria. Di solito, tale disturbo mentale colpisce le donne anziane, che possono arrivare a detenere alcune dozzine di questi animali domestici in un piccolo appartamento.

33. I gatti dormono due terzi del giorno e usano il resto del tempo per prendersi cura di se stessi. 

34. In Australia, i gatti sono presenti nel 90% delle case. È una specie di "stato felino"!

35. Anche i gattini hanno i denti da latte che cadono, proprio come gli umani.

36. Tutti i gatti adorano giocare con le scatole. E per "gatti" si intende l'intera famiglia dei felini.

37. In Egitto i gatti erano considerati animali sacri. Tanto che in caso di morte di un esemplare, tutti i membri "umani" della sua famiglia si rasavano le sopracciglia in segno di lutto.

38. Può sembrare sorprendente, ma i felini non sudano. L'unica parte del loro corpo che può bagnarsi è quella che comprende i cuscinetti delle zampette.

39. I gatti particolarmente abili possono facilmente rimanere in vita anche dopo essere caduti da un'altezza di nove piani.

40. E infine, l'ultimo fatto. Lo sapevi che un gatto può miagolare per ore senza sosta? Sì ok, credo che questa tu la sappia!!! :)

venerdì 17 novembre 2017

Le migliori qualità dei gatti neri!

Buon giorno a tutti voi, Truefelini, e buona giornata del gatto nero! Oggi si ricorda quanto sia importante sfatare i pregiudizi che danneggiano questo meraviglioso animale, perchè mi sembra ovvio che tra le tante abilità del gatto nero non può proprio esserci quella di portare sfortuna!! Anzi... come si diceva, l'unica "sfiga" dei gatti neri è quella di incontrare persone superstiziose! Eppure è vero che, tra tutti i gatti, i mici neri sembrano essere quelli più "magici"... dotati di un'eleganza fuori dal comune, occhi dorati e la capacità di "sparire" nel buio... possiedono indubbiamente anche un'altra speciale abilità: mimetizzarsi come nessun altro gatto sa fare!! 


Un'immagine divertente per mandare a tutti i mici neri del mondo i migliori auguri, con la speranza di una velocissima adozione per tutti i panterini che attendono in gattili e rifugi, magari "scartati" proprio perchè neri. Non scherziamo, l'amore non ha colore e soprattutto... chi non vorrebbe una piccola pantera tra i membri della propria famiglia?

Un altro esempio?

Miu di Ro

 E per voi quali sono le migliori qualità dei gatti neri? Raccontateci tutto nei commenti!